ELTE SCHEDA INVERTER V. 400 HZ 50/60

F400094

La scheda inverter per il comando di motori asincroni trifase è di dimensioni estremamente compatte; consente il pilotaggio di tali motori attraverso l’installazione a bordo motore o in un dissipatore di calore usando esclusivamente il cavo di alimentazione alla rete elettrica. 

I cavi relativi alle tre fasi degli avvolgimenti del motore sono cablati direttamente negli appositi porta faston sulla scheda inverter con la denominazione “U”, “V”, “W”. Scopo della scheda inverter è quello di generare tre tensioni sinusoidali sfasate tra loro di 120° e frequenza variabile con continuità in un range da 50 HZ e come limite massimo il valore di 400Hz e potenza massima 3,0 kW.

MERCE IN PRONTA CONSEGNA

PER INFORMAZIONI ED ORDINI    info@ups-italia.it

Quantità
 

Politiche per la sicurezza

 

Politiche per le spedizioni

ALIMENTAZIONE DELLA SCHEDA E FUNZIONALITA’ GENERALI

Le schede inverter devono essere alimentate in base alla versione trifase a 230 V +/-15% – 50/60 Hz o 400 V +/-15% – 50/60 Hz direttamente sui faston contrassegnati dalle lettere “L1” “L2” “L3” collegando la messa a terra al faston contrassegnato dal simbolo  . Sono presenti anche i due contatti per l’inserzione di una resistenza di frenatura, questa migliora l’arresto del motore. La resistenza di frenatura viene inserita tra la scritta BRAKE.

Il comando alle diverse velocità viene effettuato lungo la caratteristica tensione-frequenza propria del motore evitando così eccessivi assorbimenti di corrente; il raggiungimento dell’impostazione di velocità avviene secondo un controllo in rampa (sia in accelerazione sia in decelerazione) per evitare brusche variazioni di velocità possano compromettere il funzionamento del motore.

Eventuali buchi di rete o interruzioni improvvise della tensione di alimentazione vengono interpretati dal circuito di controllo in modo tale da comandare il motore senza strappi La velocità di lavoro viene comandata mediante il potenziometro da installare nei morsetti 1-2-3 o fornendo un riferimento 0V +10Vdc tra i morsetti 2-3.

Il contatto dell’allarme generico chiude quando interviene una di queste cause: mancanza di una fase, da un buco di linea superiore a 3,3 msec., bassa tensione sul bus, rilevazione di sovracorrente sugli IGBT (corto circuito verso massa o elevata corrente derivata dal carico all’asse).

Il contatto dell’allarme di sovratemperatura viene chiuso quando la temperatura del modulo di potenza supera i 90°C o interviene la protezione termica del motore.

Il contatto di velocità raggiunta viene chiuso e rimane tale finché la velocità reimpostata mediante potenziometro o riferimento compreso fra 0-10Vdc rimane costante, al variare del riferimento si riapre finché non viene raggiunto il nuovo stato impostato.

Il contatto del motore fermo è chiuso ogni volta che ad inverter alimentato l’albero motore non è in rotazione.

In caso di intervento di uno degli allarmi per ripristinare la funzione dell’inverter si deve agire sul contatto di reset allarmi (sulla morsettiera J7 portate +10Vdc sul contatto 7) oppure togliere l’alimentazione dall’inverter per il tempo necessario che si scarichino i condensatori; l’allarme di sovratemperatura può essere ripristinato solamente dopo che il modulo di potenza o la protezione del motore saranno scese al di sotto della soglia di ripristino.

Riferimenti specifici

Nuovo prodotto

Download

Scheda tecnica inverter

Download (466.84k)